martedì 20 dicembre 2011

Tentazioni di Argeta Brozi


E’ con immenso piacere che oggi recensisco il bellissimo romanzo intitolato “Tentazioni”, scritto dalla titolare della Casa Editrice Butterfly, Argeta Brozi, con la quale collaboro molto piacevolmente.
Argeta scrive fin da quando aveva 9 anni, a 17 anni ottiene i primi riconoscimenti attraverso vari concorsi. Nel 2007 inizia la sua avventura nel mondo dell’editoria.
“Tentazioni” è il suo terzo romanzo.

Ylenia, una ragazza di vent’anni che vive a Roma con i genitori, ha vissuto delle storie d’amore che le hanno segnato il cuore. E’ stata tradita e abbandonata, e ora non crede più nell’amore e negli uomini. Insieme alla sua amica Lolly, inizia un gioco pericoloso ma eccitante che sembra darle una momentanea e soddisfacente rivincita verso il genere maschile. Compito di Ylenia è quello di sedurre ragazzi fidanzati per vedere fino a che punto sono disposti ad arrivare, dimostrando che tutti gli uomini sono dei traditori. Il primo ragazzo è il fidanzato della sua migliore amica, ma in seguito altre ragazze chiedono il suo aiuto. Nel frattempo Ylenia è combattuta sul suo futuro, il suo sogno è andare a studiare a New York; ma un bel giorno incontra, o meglio, si scontra con Brian. Ylenia tenta di resistere, non vuole innamorarsi per poi restare delusa un’altra volta. Infatti, Brian non si presenta al loro primo vero appuntamento, lasciandole una cicatrice che non si rimarginerà facilmente.
Per il suo compleanno gli amici le riservano una festa a sorpresa e i genitori le regalano un biglietto di sola andata per New York dove la aspettano tante sorprese.
Come sempre non vi dico come va a finire il romanzo. Riuscirà Ylenia a credere nuovamente nell’amore?
Devo dire che il romanzo mi ha preso molto, ogni giorno non vedevo l’ora di tornare al libro per scoprire come si evolvevano le cose.
Ylenia è una ventenne forte, sveglia, ma anche un po’ imbranata, anche se, quando inizia quel gioco pericoloso con gli uomini, si trasforma. E’ determinata a non credere nel destino e nel principe azzurro ma è destinata anche a cambiare idea.
Mi sono immedesimata in lei, perché anch’io, a vent’anni, ho sofferto molto per amore. Sì è vero, è una giovane età, ma quando si spezza il cuore è difficile credere di nuovo nell’amore e fidarsi nuovamente di qualcuno.
Argeta descrive molto bene la psicologia dei personaggi, soprattutto della protagonista, ma anche dei personaggi di contorno, le amiche, i genitori. Vengono trattati diversi temi, innanzitutto l’amore sì, ma anche l’amicizia, il matrimonio, i tradimenti, l’aborto, temi che l’autrice tratta con maestria, serietà e profondità. La scrittura è scorrevole ed emozionante. Ho pianto e riso insieme ad Ylenia e spero che Argeta ci regali presto un nuovo splendido romanzo! Intanto a breve pubblicherò la sua intervista! 

Io non volevo arrivare a tanto, ma una volta iniziato il gioco non sai mai come potrà finire. Mi sentivo euforica per il ruolo che mi era stato dato, ma anche un po' in imbarazzo nei confronti di Lolly: da una parte, volevo aiutarla a mettersi l'anima in pace, dall'altra, speravo di avere un fiasco completo. Mi stavo vendicando di una storia dove io non c'entravo niente, forse lo facevo per il bene di Lolly, ma di certo non per il bene di Steven, che ne avrebbe sofferto”.

PS: per acquistare i libri della Butterfly visitate questo link
PPS: cliccate su quest blog se volete seguire l'autrice!

10 commenti:

  1. UUU che trama avvincente, poi se si parla di NYC io no posso che capitolare, quasi quasi mi hai convinta :D!
    smack

    RispondiElimina
  2. Insomma questa Ylenia diventa una specie di Robin Hood dell'amore.. o di angelo vendicatore delle donne tradire.. Comunque a vent'anni a volte si soffre di più, perché son le prime volte (che si soffre) poi ci si fa il callo, e chi se ne frega (detto da una che sta in crisi almeno un anno dopo, e non vuole più vedere nessuno né maschi né femmine)

    RispondiElimina
  3. Come sempre sembra bellissimo....la mia giornata dovrebbe essere composta da 100 ore per poter far tutto ciò che mi piacerebbe fare.......

    RispondiElimina
  4. Grazie della recensione Chiaretta. . . in questo periodo tra le festicvità e il lavoro non riesco a leggere nulla, segno. . . Bacioni!!!!

    RispondiElimina
  5. @Marianna: e che non lo so!!! ;-)

    @Elle: mi piace, un Robin Hood dell'amore! Sì possiamo metterla così! E' vero, i primi amori e i primi cuori spezzati fanno davvero male!

    @Giovanna: ti ringrazio! Mi dispiace però non vederti tra i miei follower! :-(

    @stefy: a chi lo dici cara! Quante cose vorrei fare anch'io! :-/

    @speedy70: segna segna! Baciiii

    RispondiElimina
  6. Che trama interessante! Peccato che ho una sfilza di libri in attesa di essere letti! Voglio una giornata di 48 ore! Bella recensione comunque!
    Un bacione!

    http://laduravitadinarya.blogspot.com/

    RispondiElimina
  7. la trama è avvincente,poi se ci acciungi NYC come sfondo tutto diventa magico :) quasi quasi
    kiss

    RispondiElimina
  8. Ho ben 4 libri tra le mani e 2 in attesa...che dici ce la posso fare??
    Questo mi piacerebbe leggerlo, bisogna dqre fiducia ai nuovi autori...intanto bella recensione, efficace visto che mi è venuta la voglia di leggere il libro!
    un abbraccio loredana

    RispondiElimina
  9. Sembra una lettura piacevole!

    RispondiElimina

Abbuffiamoci di parole!!!