mercoledì 7 marzo 2012

Voltare pagina

Buongiorno a tutti! Oggi il sole splende qui a Roma e anche se il treno ci ha messo più di un’ora per arrivare nella capitale, quando dovrebbe metterci neanche quaranta minuti, io sono contenta lo stesso! ^_^

Vorrei ricordarvi che domani è il giorno della tanto attesa rubrica “The Most Beautiful Sentence”: avete già pronta una bella frase da postare? Spero di sì!
Tra l’altro ho scoperto proprio ieri che tra un po’ è il mio blogcompleanno!!! Non volevo crederci, è già passato un anno in vostra compagnia! Ci saranno delle belle sorprese!



Oggi vi parlo di un’altra opera inviatami da un’autrice esordiente, Tiziana Cazziero: “Voltare pagina”, edito dalla casa editrice Book Sprint Edizioni.
La protagonista è una giovane in carriera, Janny, la quale vive con la madre con cui ha un legame fortissimo, ma che a breve sposerà uno degli uomini più in vista della città, Mark. La sua migliore amica e la madre cercano di dissuaderla dallo sposare questo losco figuro che ha un che di inquietante e in effetti Janny confessa di non provare nei suoi confronti dei forti sentimenti, ma è un bravo ragazzo e sarà un marito meraviglioso, perciò persiste nel volerlo sposare.
Nel frattempo Janny, suo malgrado, viene coinvolta da un ex collega in un affare molto poco pulito in cui è invischiata la società in cui lavora: trattasi di corruzione e riciclaggio di denaro sporco. A questo punto entrano in scena anche John e Robert che hanno un’agenzia di security e decidono che devono salvare la vita di Janny, la quale intanto viene rapita dai due spietati capi della società. John e Janny s’innamorano, ma tanti ostacoli si frappongono sul loro cammino verso la felicità.
Purtroppo il libro non mi ha convinta fin dall’inizio. Intanto vorrei consigliare a tutti gli autori esordienti di rileggere le opere non una, ma due-tre-cinque-cento volte prima di inviarle alle case editrici o di autopubblicarle! Magari fatele leggere ai vostri amici o anche a un estraneo, ma PER FAVORE, fate attenzione agli errori di ortografia, a volte mi vengono certi brividi!! Alcuni refusi possono sfuggire (anche se io sinceramente non li concepisco soprattutto da parte delle case editrici) ma troppi mi fanno pensare che il libro non è stato riletto con la dovuta attenzione o peggio... certi errori mi fanno intuire che l’italiano lo si conosce poco!
E poi vorrei spendere due righe per la punteggiatura: ragazzi miei, la punteggiatura è F-O-N-D-A-M-E-N-T-A-L-E!!!!! Un punto, una virgola, un trattino possono cambiare il senso della frase! Usateli con attenzione, in maniera moderata sì, ma intelligente!
I dialoghi in questo libro spesso e volentieri non hanno né capo né coda, a parer mio, dei botta e risposta slegati tra di loro con un italiano impreciso e la costruzione delle frasi che lascia a desiderare. Ho fatto davvero fatica ad andare fino in fondo al libro, devo essere sincera. Purtroppo non mi ha dato nessuna emozione, nessun brivido, non mi ha regalato nessun momento di commozione, seppure all’apparenza sembra una storia ricca di avventura, rischio, amore e passione. La trama non sarebbe neanche male, ma dovrebbe essere interamente ricostruita e riscritta, andrebbe fatto un profondo e sistematico lavoro di editing.


My fault: pensavo che la Book Sprint Edizioni fosse un sito di book on demand, ma come mi ha fatto notare l'autrice è una vera e propria casa editrice che però, secondo il mio modesto parere, non ha fatto un buon lavoro con il romanzo di Tiziana.
Certo mi si può dire: "ma chi sei tu per dare giudizi?" Beh, il mio giudizio spontaneo e sincero è dato innanzitutto dalla mia lettura costante di libri di ogni genere da quando ho memoria; inoltre ho lavorato in diverse case editrici svolgendo tutti i ruoli possibili e immaginabili e ho seguito persino dei corsi di traduzione, di correzione bozze ed editing.


Per questo spero che le mie recensioni vengano apprezzate anche quando non sono positive! ^_^

16 commenti:

  1. Io i refusi non li concepisco se la casa editrice è una di quelle blasonate che si fa pagare un libro dai 15 euro in su.
    Se, invece, il libro è autopubblicato, il refuso ci può stare, perchè a furia di leggere e rileggere scappa, e, poi, si sa che l'occhio umano corregge per natura.
    Ma l'"orrore" grammaticale NO!!!! con tutta la tecnologia che c'è ora se hai un dubbio su una parola basta cliccare su google ed il gioco è fatto! La punteggiatura... forse a scuola oggi no si usa più insegnarla?? Comunque, Chiara, appoggio la tua causa, un libro scritto male non si legge, è la pura verità!
    smack

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guarda io non li concepisco proprio! Perché dietro a un libro ci lavorano più persone, se a uno è sfuggito qualcosa all'altro non deve sfuggire! Anche se il correttore di bozze è uno solo, è "obbligato" a riprendere in mano il libro dopo un po' di tempo, altrimenti non riuscirebbe a essere obiettivo sugli errori! E poi sì, se non sei sicuro di una parola cerca sul dizionario cartaceo oppure online!

      Elimina
  2. Mi è piaciuta la tua critica...quando ci vuole ci vuole.
    Sulla punteggiatura concordo in pieno anche se, a scuola, era la cosa che il rpof di lettere mi correggeva sempre, ma sulla grammatica non si può transigere!!

    Buona giornata di sole, qui piove!!

    ciao loredana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh non si può essere sempre "buoni", se un libro ha dei difetti, a parer mio, bisogna palesarli, soprattutto a beneficio dell'autore!

      Elimina
  3. Spero di essere anch'io in grado di esprimere una critica così sincera e motivata, quando dovrò recensire qualcosa di poco curato... Magari l'autrice ha anche fatto leggere la propria opera ad amici o parenti, ma si sa che tanti pur di non offendere annuiscono sempre senza esprimere il minimo dubbio. Io al momento sto correggendo la tesi di un'amica e, MMMADONNA, la sintassi è un'opinione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se ci sono motivi fondati, a tuo parere, sicuramente riuscirai a fare una critica costruttiva! Hai ragione quando dici che magari gli amici per non offenderla non le hanno detto nulla, ma che amici sono?? Comunque sì, la sintassi è un'opinione! O.O

      Elimina
  4. ti faccio i complimenti perche' e' sicuramente piu' facile complimentarsi con qualcuno che invece dover fare delle critiche che alla fine si rivelano costruttive

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti non è stato facile.. :-/ Ma spero che le critiche possano servire a migliorare!

      Elimina
  5. Oddio io rileggo mille volte pure i post, e poi me li rileggo dopo i primi commenti e magari ci trovo il refuso e dico ma noooooo ma com'è possibileeee l'ho riletto mille volteeeee!!! Bisognerebbe anche rileggere a freddo, dopo un po' di tempo, quando ci si è dimenticati cosa avevamo scritto così da cascare noi stessi dalle nuvole se qualcosa non va. Però dai l'ortografia..
    Ma parliamo di cose seeeeerie: io la frase per domani ce l'ho!!! ahahahh :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A chi lo dici!! Io rileggo anche gli sms! Vabbè, forse sono un po' fissata, ma non posso farci niente.. non posso vedere gli errori grammaticali! Ho l'animo da insegnante :P
      Di solito nelle case editrici funziona così.. la correzione di bozze si fa due-tre volte a distanza di tempo per evitare di non vedere gli errori.
      Ps: Bravissima Elle!

      Elimina
  6. Anche in italiano?? Pensavo che queste cose succedessero soltanto in catalano visto che è una lingua senza uno stato che la sostenga e influenzata dal castigliano. La lotta con i miei alunni è costante. Mi dispiace sentire che questo succede, sopratutto perchè io mi sforzo tantissimo a scriverlo correttamente. Un abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ebbene sì cara, anche in italiano! Probabilmente non esistono più gli insegnanti di una volta e i ragazzi di oggi lasciano spesso a desiderare sul fronte lingua, sia scritta che parlata :-/
      Tu fai bene a studiare, continua così!! Ti abbraccio!

      Elimina
  7. Hai fatto bene a ricordare The most beautiful sentence, stasera mi copio la mia citazione...

    RispondiElimina
  8. Mamma come sei stata dura.... certo la verità non è sempre piacevole da ascoltare, però, se la persona è una persona intelligente ne farà tesoro e farà più attenzione in futuro.
    Concordo con la critica sulla punteggiatura è importantissima!

    RispondiElimina
  9. Ciao Chiara. Io credo che l'onestà sia sempre apprezzata... Per lo meno, io l'apprezzo! Grazie del tuo contributo!

    RispondiElimina
  10. Oggi è un giorno speciale per me. Se ti va passa per il mio blog. Un abbraccio.

    RispondiElimina

Abbuffiamoci di parole!!!