lunedì 4 novembre 2013

The Most Beautiful Sentence

Buoooongiorno a tutti carissimi, com’è andato questo lungo fine settimana?
A me sembrava che i giorni fossero sfalsati, venerdì mi sembrava sabato e sabato mi sembrava domenica, insomma, ero un po’ confusa. Comunque alla fine il 31 non c’è stata nessuna passeggiata al centro di Roma, eravamo troppo stanchi dopo il tennis, così cenetta a casa e poi a nanna (triiiste lo so!)... venerdì e sabato siamo andati a trovare la nonna di mio marito e ci siamo abbuffati di mozzarella di bufala e pane casertano mmm ragazzi che bontà! Anche se ogni volta che torno da lì mi ritrovo ingrassata di non so quanti chili :-/ poi sabato sera siamo passati a trovare i miei e - nonostante avessimo detto a mia madre di preparare qualcosa di leggero - ci ha fatto trovare salsicce con patate al forno, pomodorini in padella, spiedini e chi più ne ha più ne metta! Tutto buonissimo, ma che pancia!! Anche perché noi avevamo portato mozzarelle e pane tipico della provincia di Caserta, una sorta di ciambella ripiena di pancetta e salsiccia. Insomma, un weekend all'insegna del buon cibo :P Domenica ci dovevamo inevitabilmente muovere, quindi siamo andati a giocare un po' a tennis e la sera avevamo un compleanno, siamo stati tra amici e ci siamo divertiti.
E voi? Cosa mi raccontate di bello?

Chiedo venia, ma giovedì non vi ho ricordato dell'appuntamento con la rubrica mensile "The Most Beautiful Sentence", che si tiene ogni primo lunedì del mese. Un ripassino veloce per chi ancora non la conoscesse e volesse partecipare: ognuno di voi, me compresa, scriverà nei commenti a questo post la frase più bella, la frase che più vi ha colpito del libro che state leggendo o che avete appena finito di leggere. Accanto alla frase dovrete scrivere da quale libro è stata tratta, dopodiché, sceglierò la frase più bella, a mio parere, decretando così il vincitore (che non vincerà niente ahahah).


Allora, siete pronti? 
La mia frase di questo mese è tratta da "Gli occhi gialli dei coccodrilli" di Katherine Pancol, splendido romanzo che recensirò nei prossimi giorni:
"Stelle [...]. Datemi la pace e la forza interiore, datemi l'uomo che aspetto in segreto. Alto o piccolo, ricco o povero, bello o brutto, giovane o vecchio: non ha importanza per me. Datemi un uomo che mi amerà e che io amerò. [...] Non vi chiedo l'impossibile, vi chiedo semplicemente un uomo, perché, vedete, stelle, l'amore è la più grande ricchezza che c'è... L'amore che si dà e quello che si riceve. E' questa la ricchezza di cui io non posso fare a meno."

A voi, miei cari lettori, è il vostro turno! Buon lunedì ;-)

16 commenti:

  1. Come al solito si mangia sempre poco a casa vostra eh? XD Dai il tennis aiuta a smaltire! Per me WE tranquillo, ho cercato di riposarmi il più possibile.

    Ecco la mia frase, tratta da "L'età sottile" di Francesco Dimitri, libro che ho finito da poco e che ho appena recensito sul blog ""Nel pensiero non c'è differenza tra immaginazione e realtà. Quella differenza la inventi tu, è un pensiero a sua volta: è solo un sogno, e sei tu a sognarlo"

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eeehm dici?? :P :"> Uuu sì lo sport decisamente aiuta!
      Hai fatto bene a riposarti !
      Grazie per aver postato questa splendida frase :-)

      Elimina
  2. Io sto avendo un fine settimana lunghiiiiissimo: anche oggi è festa! Ed eccomi fedele al nostro appuntamento! Come sai sono molto impegnata con le letture del master e non riesco a leggere nessun romanzo in italiano, comunque tempo fa ho trobato una frase nel libro "Castelli di rabbia" di Alessandro Barico che mi è piaciuta. È breve e concentrata. Quindi, ecco la mia rubrica di novembre :)

    "Accadono cose che sono come domande. Passa un minuto oppure anni e poi la vita ti risponde".

    Un fortissimo abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eeeee quanta festa da voi, che bello!
      Sì, so che sei impegnata e mi fa davvero piacere che ogni tanto riesci a passare a darmi un salutino! Grazie! un bacio grande

      Elimina
  3. Ciao Chiara, ecco una frase da una delle mie ultime letture (mi è rimasta impressa perché io amo le isole):

    "Quello che c'è di buono nelle isole è che, quando vi si arriva, non si può andare oltre, si è giunti come a una conclusione..."

    da Dieci piccoli indiani di Agatha Christie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Cristina!
      Ho letto anch'io questo libro e mi è piaciuto molto, l'ho anche recensito. Grazie per aver partecipato!

      Elimina
  4. Ciao Chiaretta, io , invece,ho festeggiato Halloween con i miei nipotini, ci siamo divertiti e abbiamo mangiato :)
    In questo periodo sto leggendo D'Avenia - Cose che nessuno sa.
    Mi sta piacendo anche se ogni sera mi addormento dopo appena una pagina, colpa dell'ora, non del libro!

    " Nonna, ma Ariel non si annoia chiuso sempre nella stessa stanza?"
    "No, Andrea, i pesci rossi hanno la memoria curta curta, di tre secondi" gli aveva spiegato la nonna.
    " Al quarto dimenticano tutto, fanno un guizzo e ricominciano. Ariel ogni tre secondi vede la sua alga per la prima volta, si sfrega contro il suo corallo per la prima volta. È sempre priato, contento, non s'annoia mai."
    Andrea non aveva risposto nulla: si rifugiava spesso in una silenziosa bolla infantile, fatta di realtà e di fantasia mescolate.
    Con il passare del tempo, durante le loro visite, nonna Teresa aveva cominciato a ripetere sempre più spesso le stesse cose, se per ricordarle meglio o perchè le dimenticava troppo in fretta nessuno lo sapeva, e allora una volta Andrea aveva detto a Margherita:
    " La nonna è come i pesci rossi."
    Margherita lo aveva guardato con curiosità, smettendo per un momento di scrivere l'ennesimo sms di tre parole, e si era limitata a pensare che suoo fratello avesse qualcosa di geniale nel dna. In realtà era la genialità naturale dei bambini, che dicono le cose come stanno: Si vu' sapiri a verità, dumannala ai picciriddi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahah ma come ti addormenti?? ahahah vabbè, lasciamo stare, io non leggo mai a letto, so che mi viene il sonno dopo qualche riga, anche se il libro mi piace :-/
      Grazie per questa splendida frase, un bacione

      Elimina
  5. Leggendo le prime righe del post mi è venuto subito il sorriso alle labbra, questo fine settimana è stato uguale per me. Venerdì pensavo fossimo già a sabato! (E la mia voglia di fare era già al riposino del fine settimana..)

    Ti lascio una frase che mi ha colpita del secondo romanzo della Sorensen, "Tienimi con te".

    "Le persone non intendono mai fare nulla che ferisca gli altri, ma qualche volta succede lo stesso, in un momento di emotività, o di scarsa razionalità, o semplicemente perché si dicono cose che dovrebbero restare solo dei pensieri.
    O perché si cede soltanto per un attimo.
    Le persone si feriscono in continuazione."

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dici davvero? Allora non ero l'unica a essere un po' sfasata, meno male ^_^'
      Grazie mille per aver postato questa frase, mi ha colpita! A presto :-)

      Elimina
  6. Ciao! Ecco la mia! tratta da "Il sistema periodico" di Primo Levi.
    "MI dichiaravo pronto a perdonare i nemici, e magari anche ad amarli, ma solo quando mostrino segni certi di pentimento, e cioè quando cessino di essere nemici. Nel caso contrario, del nemico che resta tale, che persevera nella sua volontà di creare sofferenza, è certo che non lo si deve perdonare: si può cercare di recuperarlo, si può (si deve!) discutere con lui, ma è nostro dovere giudicarlo, non perdonarlo."

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Sole, che piacere averti qui, grazie per la splendida frase! ^_^

      Elimina
  7. Io sono fusa! Ma forse novembre andrà meglio. Qui non si festeggia nulla, ma i turisti non sono mancati: il 31 i protestanti festeggiano la riforma, l'1 i cattolici festeggiano i santi, e non sono mancati nemmeno ragazzini con la faccia dipinta di bianco, chissà se hanno ottenuto il dolcetto o se hanno fatto uno scherzetto alla Pietruccio. La mia frase è: "Io, senza testa, non sono niente" da Il giorno che diventammo umani di Paolo Zardi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ehiii ciao! Mi dispiace che tu stia passando un periodo non proprio buono, e per questo sono felice che tu abbia comunque partecipato alla rubrica.
      Ti abbraccio forte come sempre ♥

      Elimina
  8. Eccomi! Manca solo un'ora alla scadenza del contest ma direi che sono comunque in tempo. Il libro che ho letto è un po' particolare, una raccolta di fiabe persiane. La frase che mi è piaciuta di più è quella con cui si concludono molte delle fiabe che ho letto (altro che "E vissero felici e contenti..."):
    "Dio ha esaudito il loro desiderio: che soddisfi anche il nostro."
    Buona notte!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sei in tempissimo!!! Grazie cara ^_^

      Elimina

Abbuffiamoci di parole!!!